Kaart van het Eyland Bali (Valentijn, 1726)

giovedì 6 aprile 2017

I Barong di Puakan


Una pioggerella insistente crea un velo sugli orti e le risaie di questa Bali collinare. Su, tra alberi di cacao, banani e campi interi dedicati alle arance, che qui con una buccia sottile e verde bottiglia che non rivela nulla dell’interno dolce, aromatico e sugoso.

Magari è proprio questa la cifra dell’ampio altipiano centrale, protetto e nutrito dall’arco di monti-vulcani, che da la forma e la natura all’isola. Come un frutto che sembra acerbo, ammantato del verde impossibile delle sue risaie e dei boschi addomesticati, Bali cela un centro ricco di linfa dolce che tocca lo spirito e agita i pensieri. Un profumo multicolore che inebria anche il viandante più sprovveduto.

Un aprile che trattiene, insistente e dispettoso, il monsone e non vuole lasciarlo passare. Oggi, un manis galungan che si ritrova in coda ad una lunga sequenza di giorni importanti, giorni di meditazione, di esorcismi collettivi, di abbracci orgiastici. Giorni necessari a riconciliare l’umanità induista col proprio dio.

E’ qui, tra questi monti, che la frazione contadina dei balinesi rinnova l’affezione ai propri miti e celebra la benedizione degli strumenti che s’è scelta nella lotta contro il male. Proprio il giorno dopo il celebrato prevalere del dharma sull’adharma, questi balinesi dalle mani callose e il volto affilato dal lavoro nei campi, il proprio kriss infilato in vita, affilano le loro armi esoteriche. Capitanati da stormi di giovani che studiano, lavorano al sud, scolpiscono tempietti e, oggi, vociano esaltati, i barong dei villaggi vicini sono scortati al tempio per essere benedetti. In camion o di corsa, centinaia di devoti si affollano ordinati sulla breve scalinata che porta alla cima di una bassa collina, portano offerte, bandiere, accompagnano il loro eroe, si danno il cambio a sorreggerlo, toccano un lembo del suo manto, pregano, attendono un segnale e rientrano appagati alle loro case.

Questo è un luogo sacro a tutti i Balinesi e la storia narra che il saggio Rsi Markandeya abbia avuto qui l’illuminazione che diede inizio alla religione balinese. Il Pura Sabang Dahat è talmente potente nella mente degli indù balinesi che resiste come tempio senza mura né altari. E’ una semplice spianata tra alberi secolari e palme frondose, appena avvolte da panni colorati, che racchiude un nucleo di invisibile spiritualità.

I Barong, a coppie, sostano davanti ad un lungo tavolo ammantato di giallo, in attesa del tocco divino che li faccia rifulgere nella eterna lotta tra bene e male. Ogni barong mostra un proprio carattere, che attinge allo spirito degli uomini che lo animano. Non stanno fermi, si agitano di qua e di là, sbattono le fauci. Il suono ritmato e secco sorge a tratti dal frusciare del vento tra le chiome. Alzano la testa come ad annusare una presenza immateriale. Arrivano barong ket, macan e bangkal.


Il manto maculato e la lunga coda di macan, la tigre. Afferrarne la lunga coda da forza e timore reverenziale. I lunghi e ricurvi canini del cinghiale, bangkal. Il bangkal viene dal banjar di Taro kaja e mostra un carattere fiero, baldanzoso. Affronta la salita di slancio, sbattendo le fauci e scuotendo un pelame scuro e ispido. E’ amato dai giovani che lo temono e nel contempo lo cercano. Di solito, in occasione del Galungan, va di casa in casa accompagnato da bambini che suonano gong e cembali, a chiedere offerte (ngelawang).

Timidi tintinnii di campanella accompagnano la breve preghiera. Dopo pochi minuti la coppia lascia la radura sacra e la coreografia si ripete.
Il bianco delle camice rifulge tra lo scuro umido della foresta. Macchie candide accosciate con le mani giunte sopra il capo. Stringono petali di fiori e lasciano passare il pensiero.



martedì 13 dicembre 2016

nyale: tra mare e terra.

     Ogni anno, da cinque a sette giorni dopo la seconda luna piena (di solito nel mese di febbraio, a volte anche in marzo) un polichete di mare, la Palola viridis, che vive sul fondo sotto le rocce calcaree, inizia il proprio ciclo riproduttivo col rilascio di segmenti del proprio corpo carichi di uova e seme. Masse di propaggini riproduttive, simile a millepiedi variamente colorati, abbandonano il nuoto attivo e si lasciano trasportare dalla corrente sotto costa.
     Le popolazioni indigene di molte isole dell’Indonesia e del Pacifico considerano questo un evento che reca con sé potenti significati simbolici legati alla fertilità, soprattutto per l’elevato contenuto proteico che ne fa un alimento altamente nutritivo e intrinsecamente fecondo.
     


     Nel caso di Sumba, le lune calanti di febbraio e marzo sono i momenti propizi per osservare comportamento, numero e colore dei vermi di mare e legarli all'inizio della Pasola e alla prodigalità del raccolto di riso.
     La notte prescelta, il rato nyale, che si occupa del rituale, inizia con una preghiera al marapu dalla pietra di una tomba megalitica, col viso rivolto verso la luna. Allineato con la luna, il rato può misurare con attendibilità la posizione dell’astro e lo stato del moto ondoso dell'oceano. Se i segni sono conformi a quanto tramandato dai marapu, il rato nyale fornisce il responso e la cerimonia della raccolta dei vermi e, il giorno successivo, la Pasola possono avere inizio e le previsioni per il prossimo raccolto sono più favorevoli. All'alba, il rato nyale entra in acqua per catturare i primi nyale e ne controlla aspetto e colore. Centinaia di persone accorrono dai villaggi vicini per sentire le previsioni per il prossimo raccolto. La predominanza di vermi di colore verdastro indica che la risaia sarà infestata da muschio; il colore marrone avvisa di possibili infestazioni di insetti.



     La quantità ed il colore del nyale, visibile sotto costa in quel giorno, determinerà, attraverso il risultato del raccolto, il destino di tutti gli abitanti del villaggio. Un’abbondante cattura è segno che anche il raccolto di riso di quest'anno sarà copioso. Il nyale è tradizionalmente associato alla fertilità e, come parte della serie di cerimonie associate alla loro raccolta, i vermi marini sono tritati e sparsi nei canali di irrigazione intorno ai campi per contribuire a garantire un buon raccolto.


      Il nyale è raccolto anche per essere cucinato e consumato dagli abitanti del villaggio. Alcuni ardimentosi non esitano a mangiarlo ancora vivo. La frittata di nyale è un piatta localmente ricercato per l’alto contenuto proteico ed il sapore pungente. I vermi sono cotti anche al vapore, fritti, o trasformati in pepes nyale, mescolati con cocco e spezie, avvolti in una foglia di banana e arrostiti sul fuoco.


Tarik batu: il valore simbolico di una tomba

     


     Il paesaggio di Sumba, in particolare la regione occidentale, o Barat Daya, da Kodi a Wanokaka, è punteggiato da centinaia e forse migliaia di tombe megalitiche. La costruzione di queste grandi tombe di pietra è chiaramente un impegno eccezionale. La quantità di lavoro e di capitali necessaria per erigere questi monumenti sembra rendere questo sforzo di gran lunga il più grande dispendio di tempo, energia e risorse nella società tradizionale Sumbanese.

     Nel contempo, questa impresa monumentale riserva svariati benefici sociali, politici ed economici a coloro che vi sono coinvolti. Quando attuata per tempo, è motivo di orgoglio e conforto. In primo luogo, è un’azione di promozione sociale giacché spesso i monoliti sono spostati, dalla cava al villaggio di destinazione, ad un ritmo inutilmente lento per dare modo al proprietario della pietra di mettere "in mostra" la propria ricchezza attraverso un programma cerimoniale svolto per un periodo più lungo del solito. Un’altra forma di esibizione di potere e prestigio si ottiene impiegando un numero elevato di persone che ‘tirano’ (tarik) la pietra. Dalle circa 200 o 300 persone per trascinare un monolite, si arriva anche a 1.000.

     Anche dimensioni ed estetica servono allo scopo, trasmettendo grande considerazione e rispetto per il censo di chi è in grado di acquisire le pietre più grandi e impiegare artigiani che possano abbellire riccamente le superfici esterne della tomba con bassorilievi, statue e motivi geometrici e simbolici rituali. Nella regione di Kodi, entrando in un villaggio o entro una sezione del clan all'interno di un grande villaggio, fanno molta impressione i gruppi di antiche tombe di pietra collocate davanti alle case che circondano la natara, o zona cerimoniale del clan, dove si svolgono grandi cerimonie. In tal modo, ricchezza, notorietà e prodigalità, di individui e del loro clan, sono immediatamente riconoscibili e quantificabili.

     Nel contesto economico tradizionale di Sumba occidentale, la proprietà della terra e degli animali domestici è un elemento chiave per l'acquisizione di ricchezza e prestigio. Di conseguenza, il maggior dispendio di riso (terreni) e di animali (sacrifici) avviene durante il complesso programma di cerimonie che si attua con la costruzione di tombe megalitiche di pietra. Nel contesto di questi eventi, vi è uno scambio di animali (carne) contro manodopera e animali per altri animali.

     Di più, è importante anche la forma di indebitamento che si instaura in conseguenza del sostegno che amici e parenti garantiscono al proprietario della tomba nella fornitura di grandi animali da sacrificare durante i rituali associati alla costruzione. La capacità di sponsorizzare grandi cerimonie e la costruzione di tombe megalitiche dipende quindi, in larga misura, dai rapporti che ciascuno si è costruito nel tempo. Al fine di stabilire una tale rete di relazioni e di sostegno, è assolutamente necessario tessere una serie di collegamenti parentali attraverso accordi di matrimonio per se stessi e la propria prole. Inoltre, è essenziale dimostrare una conveniente ‘lista crediti’ ottenuta da adeguati sostegni alle cerimonie altrui.

     Un capo famiglia che intenda costruire una tomba deve in primo luogo assicurarsi l’approvazione del marapu e del proprio clan, attraverso sacrifici, cerimonie e incontri. Nel contempo, deve raccogliere la quantità di denaro, animali, cibo, parang, kain sarung e, nel caso, gioielli, sufficiente a compensare tutte le persone che verranno coinvolte nel lungo processo di scavo, trasporto e costruzione. l’intero processo può durare mesi o anche anni.



     Solo a questo punto può iniziare lo scavo in una delle cave di arenaria, la più famose delle quali è quella dietro la spiaggia di Wainyapu, nella regione di Kodi. Dopo lo scavo va organizzato il trasporto al villaggio del capofamiglia e la successiva costruzione vera e propria della tomba. Per ultimo viene l’abbellimento, eseguito da scalpellini specializzati (tukang batu). Gli scalpellini tradizionalmente ricevono una grosso bufalo d'acqua vivo, un sarong e un lungo pezzo di stoffa intessuta. A lavoro completato, si indice una festa e viene sacrificato un maiale. Lo scultore, di solito, si tiene la testa di questo maiale (le teste di suini sono particolarmente ricercate, visto che garantiscono mascelle da esibire appese alla veranda di casa propria).


(grazie a Ron Adams e Retno Handini)

lunedì 12 dicembre 2016

Li'i marapu, la parola agli antenati

In occasione di molte delle cerimonie che regolano la vista sociale delle comunità di Sumba Ovest, grande rilievo viene dato al dialogo ritualizzato tra viventi e marapu, chiamato LI’i marapu . Questa sorta di canto battagliero è affidato a persone speciali, i rato, che tramandano così un sapere codificato in secoli di tradizioni verbali. E’ una sorta di ‘libro sacro’ non scritto ma narrato, che affida alla parola rituale il rapporto stretto che i Sumbanesi hanno con il loro cuore spirituale e religioso, il marapu.

Il luogo elettivo del discorso rituale è il natara, sorta di ombelico spirituale del villaggio, con la grande pietra posta al centro. Attorno si trovano sparse le tombe megalitiche, i dolmen per gli antenati e le grandi case di famiglia. I partecipanti lo vivono come un anello unificante cui tutti appartengono e presenziano per rivivere e ricordare la tradizione.
Tutti i consanguinei, matu mata, tenga wiwi, ‘tutti gli occhi e le labbra’, dovrebbe essere presenti per mostrare il loro rispetto per i valori tradizionali comuni. Tutti ascoltano la voce del rato e rispondono "Yawaoh!". Solo così è possibile iniziare un discorso rituale che sia 'pieno' e valido per raggiungere gli antenati.


LI’i marapu si riferisce alle parole che si collegano i vivi ai morti, ai loro antenati, e a tutte le forze del mondo invisibile, cui si riferisce collettivamente come marapu. Ma li’i ha anche il senso di promessa: katuku Ili, 'piantare la parola', si riferisce al contratto stipulato tra chi chiede ad esempio un raccolto abbondante o abbondante prole e un marapu specifico cui è promesso in cambio il sacrificio di un animale, dopo un certo periodo di tempo. Queste 'parole' sono espresse in un linguaggio cerimoniale, tenda, che è composto di formule che utilizzano immagini e metafore. Ognuna di queste formule, che usa parole e espressioni sinonime o affini che non sono sempre presenti nella vita di tutti i giorni, possiede un significato preciso e può essere utilizzata in diversi contesti. Lo scopo è di aprire un dialogo tra le persone e il marapu attraverso un rito articolato e a più fasi.

Chi effettua il discorso rituale sono i rato o kabani-bani, o 'uomini di rabbia, che in questo contesto significa non tanto emozione quanto espressione di autorità e sapienza nell'azione, entrambe funzioni essenziali per l'ordine sociale. I kabani-bani sono uomini di alto rango la cui sapienza spirituale in tema di leadership e di interpretazione dei valori tradizionali è fuori discussione. Essi sono gli intermediari tra gli antenati e la vita di ogni giorno. Conoscono le parole degli antenati, li'i marapu, sotto forma di migliaia di coppie di versi recitati a memoria e rapidamente, ad alta voce e con entusiasmo, in mezzo ad una folla di ascoltatori silenziosi.

Forse la caratteristica principale di questo dialogo è che si svolge in forma di una contesa in cui il marapu 'esige' ciò che gli spetta: che la tradizione sia seguita, che una promessa si compia o che la riparazione per una trasgressione sia fatta. Spesso è a causa di un cattivo presagio (malattia, morte o incidente) che un rituale si svolge e sono le persone che devono obbligatoriamente spiegare e giustificare i loro atti nell'interpretare i segni inviati dal marapu. Questi segni (tanda) sono un mezzo fondamentale di comunicazione tra visibile ed invisibile. Sono la parola del marapu, che sia favorevole o avversa, in risposta alle parole rivolte loro dagli uomini. Questi segni quindi generano parole da parte di uomini che sono accompagnati da musica, canti e balli, a seconda della solennità del rito, che si conclude sempre con il sacrificio di un animale la cui interiora o il fegato vengono esaminate per decifrare i segni inviati dal marapu. Così segni, parole e sacrificio sono profondamente legati insieme.

Quando si deve tenere una cerimonia si attiva tutta una serie di legami sociali: parenti e consanguinei aiutano il titolare del rito nella raccolta degli animali necessari per il sacrificio. Inoltre, è necessario convocare coloro che si specializzano nella orazione: ata urataata zaizo e ata woleka - uomini che officiano i tre tipi di cerimonie che designano diversi gradi del rituale. Questi livelli successivi nel rito sono simili ai pioli di una scala che deve essere scalata passo dopo passo - la 'scala delle parole pronunciate per il marapu', nauta lei marapuUrata è il primo passo, e può essere accompagnato da un semplice sacrificio di un pollo senza l’accompagnamento di tamburi e gong. Zaizo è una celebrazione rituale più elaborata necessario, per esempio, per richiamare l' 'anima' del riso o l'anima di un uomo colpito da un fulmine. Le parole rivolte al marapu sono questa volta accompagnate da un canto e sottolineate dal battito dei tamburi e gong e da sacrifici animali più importanti. Woleka è il passaggio finale in cui i vivi e il marapu sono `rasserenati '. Si tratta di una cerimonia di ringraziamento e di omaggio al marapu che ha accordato la propria benedizione in modo che il padrone di casa possa 'arrossare il villaggio con il sangue', dimostrando così di essere un uomo importante, un ata mboto, 'un uomo di peso'.

Sia da sola che accompagnata dal suono di tamburi e gong, la parola è dunque al centro del rituale e la sua efficacia nell'ottenere l'approvazione del marapu dipende, in larga parte, dal modo in cui viene eseguita e pronunciata. Tre concetti importanti sembrano essere incarnati nel discorso rituale. Il primo è chiamato nggoba, 'coppia, partner' (concepito anche come 'avversario'). Le formule rituali formano coppie in cui una frase è bilanciata da un’altra; tamburi e gong sono partner; i viventi e il marapu sono partner nel dialogo rituale. Il secondo concetto, legato al primo, è quello del intermediario: l'officiante, il cantore, il morto recente, 'permettono al discorso di passare' da una parte all'altra; essi sono il 'ponte' che unisce le due sponde del colloquio. Il terzo concetto è quello di nauta 'scaletta'. Questo è sicuramente l'immagine di una gerarchia di importanza data alle varie fasi del rito e della parola indirizzata al marapu. E’ anche l'immagine di un approccio passo-passo, di una progressione nel discorso rituale che, arrivato alla sua conclusione, ha raggiunto il suo obiettivo: gettare via 'ciò che è caldo' (ambutu ambangata) e sinonimo di pericolo, e ricevere 'l'acqua fredda, l'acqua fresca' (we'e maringi we'e manggabo), che simbolo di salute e prosperità .

(grazie a Brigitte Renard-Clamagirard e Elvira Rothe)


sabato 5 novembre 2016

Il ciclo dell'acqua nella mitologia balinese

Bhatara Tengahing Segara
Ava divas tarayanti
Sapta suryasya rasmayah.
Apah samudrriya dharaah.
 (Atharvaveda VII.107.1).
Sette raggi solari
evaporano naturalmente
l'acqua di mare
verso il cielo blu.
Poi dal cielo blu
la pioggia cade sulla terra.



 “Il sole che splende sulla terra penetra in modo naturale col suo calore nell’acqua mare. Questa è la legge naturale della creazione di Dio. L'acqua dell'oceano, esposta alla luce solare, evapora nel cielo in forma di nuvole. Sempre per legge di natura le nuvole si trasformano in pioggia. L'acqua piovana che cade sul monte verrà assorbita correttamente solo se la foresta è fitta. Dal processo della creazione divina nasce la naturale fertilità della terra, che è la fonte di tutti gli esseri viventi. Se grande è il dono di Dio all'umanità, altrettanto lo è il debito che essa deve a Dio. La natura umana sarebbe infelice se l’intero processo fosse interrotto o alterato.”
E per infondere il credo che la vita non deve danneggiare i processi naturali, Dio è adorato nella sua manifestazione di Dio del Mare. Nella tradizione indù di Bali il Dio del mare è chiamato Bhatara Tengahing Segara, celebrato nel Pura Goa Lawah, il tempio-caverna sul mare, lungo la strada per Karangasem.

Nel Lontar Prekempa Gunung Agung si racconta che Shiva inviò la Trinità, Sang Hyang Tri Murti, per salvare la terra. Brahma discese per reincarnarsi nel serpente (naga) Ananta Bhoga. Vishnu si incarnò nel serpente Basuki e Iswara diventò il serpente Taksaka.
Naga Basuki si posizionò con la testa nell'oceano per farlo muovere ed evaporare a formare le nuvole. La coda diventò il monte e le sue squame le foreste che l?ammantano. La testa di Naga Basuki così divenne l’apertura che collegava il mare con la cima del Gunung Agung: la grotta Goa Lawah. L’apice della coda si trova nel tempio Pura Goa Raja, uno dei templi del complesso di Besakih. Infatti anticamente si credeva che tra i due luoghi vi fosse un collegamento sotterraneo, che solo il terremoto del 1917 fece franare, interrompendolo. (www.babadbali.com).

Quindi l’azione “dell’alito divino” della testa del naga Basuki fa evaporare l’acqua di mare che, condensandosi, forma le nuvole. Queste, portate dal vento, si addensano sulle pendici del Gunung Agung e precipitano in forma di pioggia. L’acqua piovana, agevolata dalla fitta copertura forestale, permea il terreno e, attraverso i collegamenti sotterranei, ritorna al mare lungo coda e testa del naga Basuki.

Nel tempio di Goa Lawah i balinesi adorano il Dio affinché un tale processo naturale abbia corso regolare e la terra rimanga fertile a beneficio dell’umanità.